Vi parlo un po' di me..

La mia foto
Vivo in un mondo tutto mio, perennemente in bilico fra sogno e realtà. Non seguo regole convenzionali, ma solo quelle dettate dal mio cuore. Adoro i miei amici. Temo la razionalità, specialmente quando soffoca la magia. Amo bere, mangiare, dormire, ascoltare musica (non sempre in questo ordine). Sono piena di contraddizioni. Ho paura della solitudine. Non mi interessa apparire e non mi importa cosa pensa di me chi non mi conosce. Non giudico e non sopporto chi lo fa. Sono diffidente, ma se mi fido.. mi fido. Ho provato un vuoto incolmabile ed un amore tanto profondo che ha rivoluzionato la scala dei miei sentimenti. Sono attratta dalle stranezze e dalle differenze. Cerco di vivere il più possibile, ma a volte mi prendo delle lunghe pause. Mi piacciono i capelli spettinati, le persone passionali e un po’ folli. Sono pigra, dolce, un po’ matta e sempre alla ricerca di un po' di equilibrio, ma soprattutto del grande amore.

martedì 11 dicembre 2007

Sono guerrafondaia..

Messaggio di oggi del nostro caro papa:

“La famiglia è la principale agenzia di pace. Dunque chi, anche inconsapevolmente, osteggia l'istituto familiare rende fragile la pace nell'intera comunità, nazionale e internazionale minacciando la pace nel mondo” … “La famiglia naturale, fondata sul matrimonio fra uomo e donna è la prima insostituibile educatrice alla pace” … “Indebolire il matrimonio mette a rischio la pace”

Sono veramente senza parole.. anzi, qualche riflessione sinceramente mi sorge spontanea..

Se le premesse fossero vere, io sarei una guerrafondaia.. nata da una famiglia di guerrafondai, oltretutto! Guerrafondai, che però si sono amati tantissimo, e che sono riusciti anche (incredibile!!) a trasmettermi tutto il loro amore pur non avendo firmato un pezzo di carta.

Ma fatemi capire.. io che ho appeso la bandiera della pace, io che non sopporto qualsiasi forma di violenza o prepotenza, io che son contenta quando tutti son contenti, io con i miei principi, io con i miei pregi e i miei difetti, se andassi a convivere o se mi innamorassi di una donna sarei davvero una persona diversa rispetto a quella che potrei essere sposandomi in chiesa? Veramente qualcuno può credere che questo farebbe la differenza sul modo di ragionare, agire e condividere i miei valori col prossimo??
Tutto questo è grottesco, anzi tragicomico.

Vi lascio con una riflessione dell’Onorevole Grillini.
“E’ stupefacente il rovesciamento della verità nell’ennesimo pronunciamento familista del papa. Per quanto riguarda il rapporto fra famiglia e pace è vero esattamente il contrario di ciò che sostiene Ratzinger: laddove è riconosciuto il pluralismo familiare, comprese le famiglie gay, registriamo altissimi livelli di benessere, di coesione sociale, di creatività, di sviluppo e soprattutto di pace. Queste sono tutte caratteristiche delle società occidentali dove il potere delle religioni è stato fortemente ridimensionato. Volgendo lo sguardo ai drammatici focolai di guerra che esistono nel mondo scopriamo che sono quasi tutti legati al fondamentalismo religioso e a regimi che negano la libertà alle minoranze, compresa quella religiosa. Medio Oriente, sud est asiatico e africa centrale sono teatro di guerre provocate dalla religione e non certo da coppie di fatto, dalle unioni civili, da famiglie monogenitoriali o riconosciute e dalle famiglie omosessuali e lesbiche.”

1 commento:

Leo ha detto...

Ma te la prendi ancora per queste cose? Certo, l'Italia se non ospitasse il papa sarebbe un paese molto più aperto di vedute e moderno, ma piano piano ci arriveremo anche noi. Meglio lasciarli nel loro brodo.
Ciao!

...