Vi parlo un po' di me..

La mia foto
Vivo in un mondo tutto mio, perennemente in bilico fra sogno e realtà. Non seguo regole convenzionali, ma solo quelle dettate dal mio cuore. Adoro i miei amici. Temo la razionalità, specialmente quando soffoca la magia. Amo bere, mangiare, dormire, ascoltare musica (non sempre in questo ordine). Sono piena di contraddizioni. Ho paura della solitudine. Non mi interessa apparire e non mi importa cosa pensa di me chi non mi conosce. Non giudico e non sopporto chi lo fa. Sono diffidente, ma se mi fido.. mi fido. Ho provato un vuoto incolmabile ed un amore tanto profondo che ha rivoluzionato la scala dei miei sentimenti. Sono attratta dalle stranezze e dalle differenze. Cerco di vivere il più possibile, ma a volte mi prendo delle lunghe pause. Mi piacciono i capelli spettinati, le persone passionali e un po’ folli. Sono pigra, dolce, un po’ matta e sempre alla ricerca di un po' di equilibrio, ma soprattutto del grande amore.

giovedì 27 dicembre 2007

Giusto due parole sull'ecopass..


Mi sembra una grandissima minchiata.

Milano ha un livello di traffico e di smog inaccettabili, vero. Bisogna fare qualcosa, verissimo. Ottima scusa per farci tanti bei soldini, pazienza se poi il traffico appena al di fuori dei bastioni andrà in tilt, o se l’inquinamento calerà di pochissimo.

Ma non è questo che voglio far notare, la cosa che più mi urta è il ticket basato sulle classi.
Certo, con un approccio superficiale si può pensare che sia giusto pagare in base a quanto si inquina, ma basta riflettere un secondo per capire che quelli che pagheranno di più (5 o 10 euro ad “entrata”) perchè hanno le macchine più vecchie, sono anche quelli che probabilmente non hanno i soldi, né per comprarsi un’auto nuova né per pagarsi l'ecopass (non so se avete visto quanto costano gli abbonamenti).
Risultato, chi ha i soldi per potersi permettere una macchina nuova, e quindi potrebbe (forse) permettersi l’ecopass può continuare a girare e ad inquinare gratis, chi non ha i soldi per una macchina nuova deve anche contribuire all’arricchimento del comune di Milano.

Mi sembra una cosa totalmente priva di buon senso, anche perchè le auto a benzina euro 3 e 4, o i diesel euro 4 che pagano zero, sicuramente non inquinano zero. Se proprio si deve pagare, allora pagare tutti, ma pagare meno.

Seconda (e molto più breve) considerazione: sapete quanti ospedali ci sono nella cerchia dei bastioni? Io no, ma solo in zona porta romana ce ne sono 4 (Mangiagalli, Policlinico, Regina Elena e Gaetano Pini), quindi se ci capiterà di star male (facciamo gli scongiuri), o semplicemente di dover fare degli esami dovremo pagare ticket, gratta e sosta e gratta e passa.

martedì 25 dicembre 2007

Voglia di pizzica e tarantella..


Taranta Power

Nine-teen ninty-eight
Tarantella Power is up to date
Mille neuf cent quatre vingt dix-neuf
Tarantella Power est sortie de l’oeuf
La tarentule en l’an deux mille
de la campagne est venue en ville
Two thousand-o-one
Tarantella Power all the world around

La taranta del profondo sud
è quella musica che tu
all’improvviso sentirai
è il ballo che non finisce mai
è il passo che dovrai imitare
per liberarti del male d’amore
così ballando meridionale
comme na taranta ca te pizzica lu core

La taranta vince quando tu
colpita al cuore dal tuo sud
per ore ed ore ballerai
finché nel ballo ti perderai
e tu stregata dalla leggenda
e dal potere della taranta
da quella musica che va
sempre più forte e allora
La taranta muore quando tu
colpita al cuore dal tuo sud
per ore ed ore ballerai
il ballo che non finisce mai
sempre più in alto fino a volare
per liberarti del male d’amore
così ballando meridionale
comme la taranta ca te pizzica lu core

lunedì 24 dicembre 2007

Buone mangiate a tutti!!

Io ho iniziato oggi, a pranzo. Il mio capo stamattina ha esordito dicendo “Sara, guarda che oggi andiamo a pranzo all’osterietta e poi fuori dai coglioni”. Potevo tirarmi indietro?? Durante il pranzo, a tre, gentilmente offerto dal Gianca, abbiamo sparlato dei colleghi, o meglio, loro mi hanno raccontato diversi “strani episodi” accaduti nel tempo e ho avuto la conferma che lì son tutti matti, dal primo all’ultimo. Poi ho dato gran soddisfazione al capo stando dietro alle loro bevute, risultato: due bottiglie di morellino di scansano (ottimo) in tre e doppio giro di mirto. Li ho salutati biascicando qualcosa e mi son tuffata nella nebbia, poco dopo, arrivata a casa.. mi son tuffata nel letto..

Altre mangiate in programma:
- Domani pranzo di natale organizzato dalla sciura, con specialità baresi, fra cui l’anguilla.. blahh!!
- Fra domani sera e il 26 altre due cene/pranzi, una da mia zia e una da Fabio
- Il 28 cena con Eleonora
- Il 30 (se mi danno le ferie) e il 31 cene di capodanno con Ponga!

Non mi resta che augurare tante buone mangiate, ricche di soddisfazioni, a tutti!
Poi, da gennaio.. dieta!!

Ah dimenticavo.. fra poco panettone da Erika! Ma io sono ancora piena da oggi.. mannaggia :(

domenica 23 dicembre 2007

Periodo natalizio

Io il natale non lo sopporto. E’ il periodo dell’anno in cui sto peggio. E’ il periodo in cui chi ti manca, ti manca in modo straziante, il periodo in cui chi si sente solo, si sente ancora più solo.

L’anno scorso, credo, una persona mi ha detto “quest’anno ho deciso di non odiare il natale, la mia città è bellissima, piena di luci, gente, locali, sembra Las Vegas, meglio approfittarne e divertirsi”. Adoro quella persona, riesce sempre a trovare il lato positivo nelle situazioni e nelle persone.

Così quest’anno ho deciso di mettere in pratica questo suo insegnamento, ma devo dire che i risultati per ora son stati scarsi. Mi manca la mia famiglia, quella unita e felice che esisteva tempo fa, mi manca il mio migliore amico, che per anni è stato lui la mia famiglia, il mio punto d’appoggio. Ora lui ha una famiglia sua, e di questo son felicissima, veramente.. ma resta il fatto che mi manca. E poi mi manca lui, il grande amore.

Ora con grande entusiasmo vado a comprare gli ultimi regali, e poi stasera, per fortuna vedrò le mie amiche, le mie sorelle.. loro sì che sanno tirarmi su, per fortuna che esistono.

sabato 22 dicembre 2007

Un capello bianco..

..anzi, tre!!!
Oggi, mentre chiacchieravo al telefono, mi stavo distrattamente controllando i capelli, per vedere se ne erano spuntati di bianchi.. lo faccio sempre quando la ricrescita me lo consente (mi spiego meglio, così possono capire anche i maschietti più tonti. Con i colpi di sole biondi non si vedrebbero, ma man mano che ricrescono i miei capelli, mori, ho la possibilità di fare un controllo.. ) comunque, dicevo, ero lì tranquilla che guardavo.. e.. ho scoperto un capello bianco!!!!
La telefonata è stata subito abbandonata per poter effettuare un'analisi approfondita, e udite udite.. ne ho trovati altri due! :(

I miei primi capelli bianchi.. ovviamente sono stati subito eliminati, ma li ho conservati, li metterò accanto al ciuffo di capelli fucsia che risalgono al mio periodo punk, quando avevo 17 anni.

La prima cosa che ho pensato è stata.. ma sarà colpa del lavoro? dell'amore? o semplicemente del tempo che passa? Sì lo so, la risposta giusta è la tre, ma forse è anche la più difficile da accettare.
Dunque vediamo.. se fossi un uomo mi comprerei una moto, o una macchina figa, se fossi una donna normale mi direi che è ora di sposarsi e di avere qualche bimbo, ma visto che io sono io, non so cosa potrà partorire la mia testolina.. probabilmente niente, anzi no, una cosa mi è venuta in mente.. una bella sbronza per festeggiare l'evento!

Adesso che ci penso bene, mi è venuta in mente un'altra cosa.. è ora di rifare i colpi di sole.. :)

giovedì 13 dicembre 2007

Sondaggio..

Molti di voi mi hanno chiesto da dove vengono le opzioni del sondaggio “Cosa vorreste sotto l’albero di natale?” Beh, che domanda.. dalla mia testina, ovviamente.

Mi sono ispirata ad alcuni desideri che in certi momenti della mia vita, per me, sono stati intensissimi, altri invece, sono desideri che io ho pensato per voi.. o meglio, sono “rubati” dalla vita di qualcuno di voi.

- “Una seconda possibilità”, per esempio, l’ho scritta su misura per una persona, ho pensato alla sua situazione, e mi son detta.. vorrebbe questo. E la persona in questione ha votato proprio questa opzione! (ti auguro buona fortuna)
- “Una lunga notte di sesso”, beh questa l’ho messa per rendere il sondaggio un po’ più piccante.. e per far contenti quelli che pensano solo a quello (amico mio trombatore, mi stupisce che tu non l’abbia votato ;) beh forse, ora che ci penso, non si desiderano le cose che si hanno già..)
- “Una vagonata di emozioni”, qui mi sono ispirata a me.. ma non solo! :)
- “Poter far durare un istante tutto il tempo che volete”, questa frase si può leggere in due modi.. allungare un istante, o ridurre tutto il tempo che volete ad un istante. Io voto per il primo significato, quanto l’ho desiderato in certi momenti..
- “Libertà senza solitudine”, è il mio cruccio. è dedicato alla vita e alle esperienze che avrei voluto fare, che altri hanno fatto, ma che io non farò mai per paura della solitudine.
- “Sciarpa e guanti”, per quelli che ormai si sono talmente abituati a ricevere questo regalo, che non possono più farne a meno..
- “Ma regali del tipo una bella macchina o un gioiello, no?”, per quelli di noi che sono più materiali.. lo so che ci siete anche voi.. votate, votate!!

martedì 11 dicembre 2007

Sono guerrafondaia..

Messaggio di oggi del nostro caro papa:

“La famiglia è la principale agenzia di pace. Dunque chi, anche inconsapevolmente, osteggia l'istituto familiare rende fragile la pace nell'intera comunità, nazionale e internazionale minacciando la pace nel mondo” … “La famiglia naturale, fondata sul matrimonio fra uomo e donna è la prima insostituibile educatrice alla pace” … “Indebolire il matrimonio mette a rischio la pace”

Sono veramente senza parole.. anzi, qualche riflessione sinceramente mi sorge spontanea..

Se le premesse fossero vere, io sarei una guerrafondaia.. nata da una famiglia di guerrafondai, oltretutto! Guerrafondai, che però si sono amati tantissimo, e che sono riusciti anche (incredibile!!) a trasmettermi tutto il loro amore pur non avendo firmato un pezzo di carta.

Ma fatemi capire.. io che ho appeso la bandiera della pace, io che non sopporto qualsiasi forma di violenza o prepotenza, io che son contenta quando tutti son contenti, io con i miei principi, io con i miei pregi e i miei difetti, se andassi a convivere o se mi innamorassi di una donna sarei davvero una persona diversa rispetto a quella che potrei essere sposandomi in chiesa? Veramente qualcuno può credere che questo farebbe la differenza sul modo di ragionare, agire e condividere i miei valori col prossimo??
Tutto questo è grottesco, anzi tragicomico.

Vi lascio con una riflessione dell’Onorevole Grillini.
“E’ stupefacente il rovesciamento della verità nell’ennesimo pronunciamento familista del papa. Per quanto riguarda il rapporto fra famiglia e pace è vero esattamente il contrario di ciò che sostiene Ratzinger: laddove è riconosciuto il pluralismo familiare, comprese le famiglie gay, registriamo altissimi livelli di benessere, di coesione sociale, di creatività, di sviluppo e soprattutto di pace. Queste sono tutte caratteristiche delle società occidentali dove il potere delle religioni è stato fortemente ridimensionato. Volgendo lo sguardo ai drammatici focolai di guerra che esistono nel mondo scopriamo che sono quasi tutti legati al fondamentalismo religioso e a regimi che negano la libertà alle minoranze, compresa quella religiosa. Medio Oriente, sud est asiatico e africa centrale sono teatro di guerre provocate dalla religione e non certo da coppie di fatto, dalle unioni civili, da famiglie monogenitoriali o riconosciute e dalle famiglie omosessuali e lesbiche.”

domenica 2 dicembre 2007

Settimana pesante e we da paura!

Cari amichetti, è stata proprio una settimana pesante.. praticamente son sempre collassata nel letto attorno alle 10. Mai successo prima! Qualcuno dice che è l'età (prrrr!!), ma io dico che non siam fatti per lavorare! o almeno io non lo sono. :)
Comunque, ovviamente, si tratta solo di riprendere i ritmi. Di lavoro, da una parte, e di vita dall'altra. Per intenderci basta dormire di giorno e star svegli di notte... dovrò adeguarmi a quello che la società ci impone come normalità, anche perchè di lavori notturni non se ne parla! Ma che colpa ne ho io, se ho in testa il fuso orario di Tijuana..?

Il week end, invece, è stato totale!! Ci voleva proprio dopo una dura settimana di lavoro!! ;)
Mi sono rilassata e divertita molto di più di quanto avessi sperato. Un paio di sorprese, una buona fiorentina, un lettone morbido, tante cose da festeggiare, the Angy's sketch, la macchina col cambio automatico (che ho guidato), un po' di shopping, tante chiacchiere e un seminario di fotografia dove pensavo di addormentarmi e invece no!

Ora son pronta per fare tante belle nanne.. e per iniziare una nuova settimana. A presto!

...